Collax FlexibleIT

Come aumentare le performance ed abbattere i costi



V-Store embedded SANTutti le soluzioni di alta disponibilità (HA) richiedono almeno uno storage condiviso separato dai server per poter riattivare i server virtuali su un'altro nodo in caso di guasto.

Generalmente lo storage utilizzato è rappresentato da una SAN (Storage Area Network) che consiste in uno o più sistemi di storage collegati ai server via rete, Fiber Channel o InfiniBand. Queste soluzioni, soprattutto per la necessità di dover fornire velocità di trasferimento elevate, possono risultare estremamente costose e quindi al di fuori del budget di molte piccole e medie aziende.

Collax V-SAN elimina la necessità di dover acquistare costosi sistemi di storage esterni integrando la SAN all'interno dei nodi di virtualizzazione.

Con il modulo V-SAN di Collax V-Cube lo storage presente sui server viene replicato tra di loro in tempo reale per cui ogni server può, in qualsiasi momento, prendersi carico dei servizi che sono presenti sull'altro server.

SANless by design


In caso di malfunzionamento tutte le macchine virtuali presenti sul server non più disponibile vengono rese disponibili sul nodo attivo in automatico nell'arco di brevissimo tempo. Nel caso in cui la manutenzione di un server sia stata programmata le macchine virtuali vengono spostate da un server all'altro senza che gli utenti si accorgano che il loro server Windows o Linux sta passando da un server fisico ad un'altro.

ArchitetturaV-CubeFailover493x190

Con il prodotto V-Cube, Collax, è sicuramente la prima sul mercato con una soluzione di alta disponibilità che permette di ridurre drasticamente la complessità di gestione e di deployment rimanendo su un budget accessibile anche alla micro azienda.

Compatibilità e Scalabilità

La piattaforma di virtualizzazione Collax è basata su KVM, la stessa utilizzata da RedHat, permettendo quindi di interscambiare macchine virtuali con la piattaforma RedHat Enterprise Virtualisation. Nel caso in cui si debba passare da una soluzione HA ad un cluster più complesso la migrazione delle macchine virtuali a RHEV non richiede alcun tipo di conversione.

Se invece volete ridurre i costi di gestione e semplificare la gestione potete semplicemente copiare i dischi virtuali presenti su VMWare ESX o vSphere sullo storage condiviso di Collax V-Cube ed in pochi click potrete riavviare le vostre macchine virtuali.

Anche dal punto di vista hardware non ci sono limiti, si possono ottenere performance eccellenti con un singolo Core2Duo fino ad arrivare a configurazioni multiprocessori con decine di Terabyte di storage per gestire quante macchine virtuali volete visto che anche la licenza software non pone alcun limite al numero di VM, processori, storage e memoria.

Un' pdf analisi comparativa tra Collax V-Cube, VMWare VSphere 5.0 e Microsoft Hyper-V 2008 R2 pdf vi permetterà di verificare che Collax V-Cube può sicuramente soddisfare le vostre esigenze, vi permette di risparmiare notevolmente ed avrete a disposizione una soluzione molto più semplice da gestire di altre.

Caratteristiche generali:

  • Installazione in pochi click
  • Gestione centralizzata via interfaccia web
  • Non è necessario creare un nodo di controllo dedicato
  • Live migration delle macchine virtuali tra i nodi
  • Non necessita di SAN esterne
  • Aumento delle performance di accesso ai dati (10+GBit/s)
  • Supporto per Cluster File System (OCFS2)
  • Replica in tempo reale dei dati sul secondo nodo
  • Fail over automatico delle macchine virtuali sul secondo nodo
  • Backup e Restore integrato
  • Include i tools per la migrazione P2V e V2P (Physical to Virtual e Virtual to Physical)
Se volete provare le funzionalità di Collax V-SAN su piattaforma V-Cube seguite questo link per default scaricare la versione gratuita .

La versione gratuita vi permetterà di valutare le funzionalità di Collax v-Cube come ambiente di virtualizzazione. Per poter attivare i moduli di clustering ed embedded SAN richiedeteci una chiave di attivazione temporanea.